Pacchi 

Sotto-categorie

  • malattia di Lyme

    Erbe per la malattia di Lyme

     

    La malattia di Lyme è una malattia cronica trasmessa dalle zecche che può colpire tutti i tessuti e gli organi del corpo umano. La malattia di Lyme è causata da spirochete del genere Borrelia, le più comuni sono: Borrelia burgdorferi, Borrelia garinii e Borrelia afzalii.

    La malattia di Lyme può causare una serie di sintomi, come:

    • dolore commovente alle articolazioni, muscoli e tendini,
    • eritema vagante,
    • disturbi del sistema nervoso autonomo,
    • polineuropatie,
    • rigidità del collo
    • intorpidimento agli arti
    • membra tremanti,
    • convulsioni
    • paralisi dei muscoli facciali,
    • rumore dell'orecchio,
    • linfonodi ingrossati,
    • sensibilità alla luce,
    • confusione o difficoltà di pensiero, nebbia mentale
    • disturbi della memoria corta,
    • oscuramento, smarrimento,
    • perdersi, perdere la strada,
    • sbalzi d'umore, irritazione,
    • depressione,
    • problemi agli occhi - l'immagine è sfocata o con macchie,
    • sensazione di pressione negli occhi,
    • mal di testa,
    • disturbi del sonno,
    • stanchezza,
    • disturbo del ritmo cardiaco,
    • sintomi influenzali,
    • febbre,
    • dolore al petto
    • perdita o aumento di peso
    • stomaco e dolori intestinali,
    • la sensibilità della vescica o la sua disfunzione,
    • mestruazioni irregolari
    • atrofia cronica del derma
    • e molti altri.

     

    Le erbe si sono rivelate un'ottima alternativa per molte persone che soffrono della malattia di Lyme. Il trattamento con le erbe viene spesso utilizzato in parallelo con il trattamento farmacologico. Molte persone scelgono anche di usare le erbe dopo che il trattamento antibiotico è terminato e, per alcuni, le erbe sono diventate il pilastro principale del trattamento naturale della malattia di Lyme.

     

    Trattamento naturale della malattia di Lyme - Protocolli noti Trattamento a base di erbe della malattia di Lyme

     

    Tra i trattamenti naturali per la malattia di Lyme, i protocolli a base di erbe più conosciuti sono il protocollo Buhner e il protocollo Cowden. L'approccio di Buhner, Cowden o altri importanti professionisti infrange il pensiero standard sul trattamento della malattia di Lyme. Secondo loro, l'uso del solo effetto antibatterico è insufficiente. Non possiamo dimenticare il rafforzamento del sistema immunitario, che a causa dell'infezione della malattia di Lyme non solo viene indebolito, ma anche rimodellato in modo molto specifico per soddisfare le esigenze dei batteri. Non possiamo dimenticare le citochine indotte durante l'infezione da Borrelia, la protezione dell'endotelio e la protezione delle strutture e delle cellule che vengono infettate dai batteri. Non dovresti solo uccidere le spirochete della malattia di Lyme, ma anche creare condizioni così sfavorevoli nel corpo che non possono moltiplicarsi, ottenere cibo e condurre un'espansione aggressiva attraverso il nostro corpo. Il trattamento della malattia di Lyme con le erbe consente un approccio multidirezionale e ha risultati sorprendenti, a condizione che venga eseguito correttamente.

    Stephen Harrod Buhner è un eccezionale erborista americano e autore di molti libri e pubblicazioni. Buhner ha sviluppato un protocollo per il trattamento naturale della malattia di Lyme e delle malattie trasmesse dalle zecche che si basa su erbe clinicamente testate. Nell'ultimo aggiornamento del suo protocollo di trattamento naturale con Lyme, Buhner ha tenuto conto di tutti gli aspetti sopra descritti e ha selezionato un insieme molto efficace di erbe che funzionano in modo completo su vari meccanismi dell'infezione da spirochete di Lyme. Tuttavia, devi ricordare che il trattamento a base di erbe Lyme non può essere basato su singole erbe. Le erbe lavorano in sinergia tra loro e combinazioni di erbe opportunamente selezionate, sviluppate da fitoterapisti specializzati in questo campo, possono apportare un effetto misurabile nel contesto del trattamento naturale della malattia di Lyme con le erbe.

    Le erbe principali del protocollo Buhner sono:

    • Andrographis paniculata
    • Poligono giapponese (latino Polygonum cuspidatum)
    • Artiglio di gatto (artiglio di gatto, Vilcacora, latino Uncaria tomentosa)
    • Salvia miltiorrhiza (Salvia Rossa)
    • Scutellaria cinese ( Scutellaria baicalensis )
    • Collagene
    • Selenio

    Buhner ha anche selezionato erbe per molti dei sintomi associati alla malattia di Lyme. Questi includono:

    • Gou teng (latino Uncaria rhynchophylla) per i sintomi neurologici
    •  Stephania per un problema agli occhi
    •  Radice di cardo per problemi articolari
    •  Biancospino a doppio collo per problemi cardiaci
    •  Gotu kola per problemi di memoria
    •  Ginseng siberiano per stanchezza e debolezza
    •  Tè del New Jersey (radice rossa, latino Ceanothus americanus) per la linfa pigra
    •  Cardo mariano per problemi al fegato
    •  Polline di pino per problemi di libido

    Queste sono solo alcune delle tante proposte di Buhner. L'uso delle erbe e il protocollo Buhner descritto con precisione sono disponibili nel suo libro, Stephen Harrod Buhner, "The Natural Treatment of Lyme Disease and its Co-infections - Chlamydiosis and Spotted Fever Rickettsial".

    Il protocollo Cowden è un protocollo di trattamento a base di erbe di Lyme sviluppato dal Dr. W. Lee Cowden raccomandato per le persone nelle fasi iniziali e tardive della malattia di Lyme, nonché per ridurre al minimo i sintomi associati alla malattia di Lyme. Il protocollo Cowden viene utilizzato anche per altre co-infezioni trasmesse da zecche. Il protocollo Cowden utilizza 14 diversi prodotti Nutramedix, tra cui 7 erbe note come Difesa microbica, che esibiscono attività antibatterica. Si basa su set di prodotti già pronti composti da pacchetti dedicati a ogni mese di terapia.

    Il protocollo Cowden comprende: Banderol, Burbur-pinella, Cumanda, Enula, Houttuynia, Magnesium malato, Mora, Prezzemolo, Samento, Sealantro, Serrapeptase, Sparga, Stevia e Takuna.

    Devi ricordare che tutti hanno la malattia di Lyme individualmente. Il tipo di sintomi di accompagnamento, la gravità dei sintomi, un insieme di co-infezioni che si sinergizzano tra loro, l'età, le condizioni del sistema immunitario, tutti questi fattori creano un quadro clinico individuale di ogni paziente con malattia di Lyme. Prima di iniziare l'uso delle erbe per la malattia di Lyme, leggi le linee guida del Protocollo Erboristico di tua scelta e le controindicazioni.

    Nel trattamento della malattia di Lyme, è anche molto importante mantenere un sistema immunitario funzionante. Un forte sistema immunitario è estremamente importante nella lotta contro la malattia di Lyme e altre infezioni. È un'arma naturale di cui la natura ci ha dotato. Assicurati di prenderti cura del tuo sistema immunitario sia durante il trattamento della malattia di Lyme che dopo. Usando le terapie a base di erbe durante la lotta contro la malattia di Lyme, non solo combatti i batteri, ma ricostruisci e regoli anche il tuo sistema immunitario.

     

    I microrganismi possono innescare la resistenza delle erbe?

    La resistenza agli antibiotici tra i batteri è diventata un vero problema del nostro tempo. I batteri possono sviluppare resistenza a un singolo composto chimico che è un componente del farmaco. Questo è diventato una fonte di problemi nel trattamento di molte infezioni batteriche, inclusa la malattia di Lyme.

    Il vantaggio delle terapie naturali per il trattamento della malattia di Lyme è il fatto che i batteri non sono in grado di diventare resistenti ai prodotti naturali. Le erbe hanno alcuni attributi che i prodotti farmaceutici chimici non hanno.

    1. La struttura chimica delle erbe è più complessa e quindi troppo complessa perché esista una resistenza dei batteri all'erba. Invece di una singola sostanza chimica, le piante contengono centinaia o migliaia di composti diversi.

    2. Le piante hanno sviluppato risposte sofisticate all'invasione batterica nel corso di milioni di anni: le sostanze chimiche complesse nelle piante lavorano in complesse sinergie tra loro e la natura le ha progettate per disattivare e distruggere i patogeni invasivi attraverso molti meccanismi diversi.

    3. Se usati correttamente, i rimedi erboristici hanno pochissimi effetti collaterali nell'uomo, a differenza di molti farmaci chimici.

     

    Grazie all'azione globale delle erbe sui numerosi meccanismi dell'infezione da spirochete di Lyme, il trattamento della malattia di Lyme con le erbe sta diventando sempre più popolare.

     

     

     

     

     

     

  • Babesia

    Erbe per Babesia

     

    Babesia è un protozoo parassita che assomiglia alla malaria ma viene trasmesso dalle zecche. Babesia causa la malattia nota come Babesiosi (altri nomi sono Babesiosi, Babesiosi). L'infezione da babesia spesso coesiste con la malattia di Lyme e/o altre infezioni trasmesse dalle zecche. I sintomi dell'infezione da babesiosi vanno da lievi a gravi. Le forme lievi molto spesso non vengono riconosciute perché vengono erroneamente interpretate come sintomi della malattia di Lyme. I primi utenti spesso riferiscono febbre alta e brividi. Le infezioni croniche possono essere lievemente sintomatiche e i sintomi più comuni sono: febbre intermittente o di basso grado, brividi e dolori articolari, sindrome da stanchezza cronica, sudorazione e "incapacità di prendere un respiro completo".

    La coinfezione con le spirochete di Lyme esacerba i sintomi di entrambe le malattie, quindi il loro decorso diventa più grave e le conseguenze per il corpo sono più gravi. I sintomi possono quindi includere forti mal di testa, anemia emolitica, coinvolgimento del sistema nervoso centrale, febbre alta e convulsioni. È stato riscontrato un effetto sinergico e di miglioramento reciproco delle spirochete Borrelia e Babesia sul corpo. Il DNA di Borrelia si presenta più chiaramente e rimane più a lungo nel flusso sanguigno quando si verifica la coinfezione con Babesia. Più gravi sono poi gli effetti negativi sulle articolazioni, sul cuore e sul sistema nervoso. In alcuni casi di coinfezioni è stata riscontrata mielite trasversa con paresi delle braccia e delle gambe. Lo sviluppo della malattia è più rapido dall'inizio, il periodo di convalescenza è più lungo e lo spettro dei sintomi è molto più ampio.

     

    Trattamento Babesia – Protocollo Buhner per Babesia

     

    Molte erbe sono molto efficaci nel combattere le infezioni da Babesia, a cui il protozoo non sviluppa l'immunità. Come nel caso della malattia di Lyme, anche nel caso della babesiosi l'effetto antimicrobico è solo uno degli elementi che portano ad una terapia efficace.

    Nel trattamento della babesiosi, occorre prestare attenzione agli importanti meccanismi d'azione della babesia che ne impediscono il trattamento. Il trattamento a base di erbe naturali Babesia tiene conto di ciascuno dei seguenti aspetti.

    Come gli embrioni di malaria, Babesia penetra nei globuli rossi - eritrociti, dove, sviluppandosi e riproducendosi, li distrugge. Inoltre, nel corso dell'infezione da Babesia, può verificarsi il blocco dei vasi sanguigni capillari e il ristagno del microcircolo dovuto alla deposizione di frammenti di eritrociti danneggiati nei vasi. La loro presenza nel flusso sanguigno può causare infiammazioni del fegato, dei reni e della milza.

    Un altro importante meccanismo dell'infezione da Babesia è un forte effetto negativo sul sistema immunitario. Babesia cambia la polarità immunitaria in un modo molto specifico, che cambia la risposta immunitaria umana da Th 1 a Th 2. Ciò porta a una scarsa reazione del sistema immunitario all'infezione e il corpo non può eliminare questo patogeno.

    Nel trattamento naturale della Babesiosi, le erbe più comunemente utilizzate consigliate da Buhner (elencate sul sito ufficiale Buhner buhnerhealinglyme.com) sono: Alchornea cordifolia, Cryptolepis sanguinolenta, Sida acuta. Si tratta di erbe che esibiscono un forte effetto antiprotozoico ed esibiscono un effetto sistemico, ovvero si diffondono nel circolo sanguigno, interessando così ogni cellula e ogni organo. Inoltre, rafforzano il sistema immunitario e Sida acuta protegge i globuli rossi. Si consiglia di aggiungere L-arginina a questo protocollo. Babesia è molto sensibile alla L-arginina, quindi l'integrazione con L-arginina aiuta a inibire l'infezione da Babesia. Il protocollo di Buhner per Babesia è uno dei trattamenti naturali più popolari dell'infezione da Babesia.

    Con infezioni più resistenti, vale la pena utilizzare il protocollo più completo raccomandato nel libro di Buhner "Trattamenti naturali per le coinfezioni di Lyme: Anaplasma, Babesia ed Ehrlichia". In questo caso la quantità di erbe e preparati utilizzati è molto maggiore, ovvero: Cryptolepis, Bidens pilosa, Artemisina, Sida acuta, Salvia miltiorrhiza, Cardo mariano, Ashwagandha, Panax ginseng, Liquirizia, Schisandra, L-arginina, Vitamina B2. In questa combinazione di erbe per Babesia, oltre ad agire contro la Babesia, rafforzando l'immunità, proteggendo eritrociti e organi, migliorerai anche la regolazione della cascata di citochine, proteggerai l'endotelio, inibirai la produzione di arginasi e aumenterai il livello di L-arginina e ossido nitrico (NO).

    Le erbe utilizzate nel trattamento naturale della Babesia influenzeranno in modo completo molti meccanismi di infezione. Se vuoi utilizzare la fitoterapia per curare la Babesia, ricordati di leggere il protocollo proposto da Buhner, così come le sue controindicazioni.

  • Bartonella

    Erbe per Bartonella

     

    La Bartonella è una delle co-infezioni più comuni della malattia di Lyme. Come la Borrelia, è trasmessa solitamente dalle zecche. Bartonella provoca una malattia chiamata Bartonellosi.

    In presenza di queste due infezioni, i sintomi sono esacerbati, soprattutto quando è coinvolto il sistema nervoso centrale. I sintomi comuni della bartonellosi sono: febbre di basso grado o cali di temperatura, sintomi simil-influenzali periodici, affaticamento cronico, linfonodi ingrossati (spesso intermittenti), sensazione cutanea anormale, noduli sottocutanei dolenti lungo le estremità, eruzioni papulari, eruzioni cutanee longitudinali rosse o blu (talvolta simile alle smagliature), sensazione di bruciore, soprattutto sulla pianta dei piedi o dolori pungenti, iperestesia, mal di testa, problemi agli occhi, dolore ai bulbi oculari, problemi di sonno, sbalzi d'umore, deterioramento cognitivo, nervosismo, ansia, irritabilità, depressione sintomi.

     

    Trattamento naturale della Bartonellosi

     

    Molte erbe sono molto efficaci nel combattere la Bartonellia (Bartonellosi). Uno dei protocolli a base di erbe più efficaci per il trattamento di questa infezione è il protocollo di Buhner per Bartonella. Puoi leggere di più su questo protocollo nel libro di Stephen Harrod Buhner "Healing Lyme Disease Coinfections: Complementary and Holistic Treatments for Bartonella and Mycoplasma".

    Il trattamento naturale della Bartonellosi tiene conto sia dell'attività antibatterica, ma interrompe anche le funzioni vitali dei batteri nel corpo, protegge i tessuti e gli organi che infetta, inibisce la cascata delle citochine e rafforza il sistema immunitario.

    Le erbe che esibiscono un forte effetto antibatterico contro la Bartonella sono: Houttuynia, Isatis e Alchornea cordifolia. Buhner consiglia di utilizzare queste erbe come una miscela. Il prodotto AHI Herbal Mix è una miscela pronta di queste tre erbe nelle proporzioni consigliate da Buhner.

    Bartonella mostra una forte affinità per due strutture del corpo: cellule endoteliali e globuli rossi. Bartonella, dopo essere entrata nell'organismo dell'ospite, circola nel flusso sanguigno dell'ospite per circa 3-4 giorni, quindi abita la nicchia primaria, che sono le cellule endoteliali dei vasi sanguigni. Quindi, dopo alcuni giorni, i batteri raggiungono gli eritrociti (globuli rossi), dove si moltiplicano. Attaccando i globuli rossi, Bartonella ha accesso anche all'eme, che ne assicura la sopravvivenza. Dividendo l'eme nelle sue parti costituenti, può ottenere i nutrienti di cui ha bisogno, compreso il ferro.

    La protezione dell'endotelio e dei globuli rossi dall'invasione di Bartonella è uno degli elementi chiave per il successo del trattamento. La conservazione di queste strutture è essenziale per interrompere la sua capacità di nutrirsi e moltiplicarsi. La Bartonella da sola non può produrre i nutrienti importanti per la sopravvivenza. Interferendo con questi fattori, la diffusione dell'infezione sarà inibita.

    Per proteggere l'endotelio, Buhner ha utilizzato il poligono giapponese, EGCG e L-arginina nel suo protocollo.

    Sida acuta, d'altra parte, proteggerà i globuli rossi.

    Nel suo protocollo per Bartonella, Buhner punta anche sulla protezione degli organi. Per proteggere il cuore, Buhner consiglia Biancospino, per la protezione del fegato - Cardo mariano, e per proteggere il sistema linfatico e la milza - Radice rossa.

    Buhner include anche erbe che inibiscono la cascata delle citochine. L'inibizione della cascata di citochine indotta da Bartonella è necessaria per inibire la moltiplicazione batterica e interrompere la nutrizione batterica. Nella maggior parte dei casi, questo ridurrà o addirittura fermerà la maggior parte dei sintomi causati dall'infezione. Le erbe chiave per Bartonella che inibiscono la cascata di citochine sono il poligono giapponese e il Cordyceps, ma anche l'integrazione con EGCG.

    Anche il rafforzamento del sistema immunitario è molto importante per il successo del trattamento della Bartonella. Più è debole il sistema immunitario, più grave è l'infezione e, di conseguenza, più gravi sono i sintomi. Rafforzare il sistema immunitario è importante tanto quanto avere un effetto antibatterico.

    Rhodiola rosae (rosa di montagna) e Ashwagandha (ginseng indiano, latino Withania somnifera) sono le due erbe immunostimolanti suggerite da Buhner.


     

  • micoplasma

    Erbe per il micoplasma

     

    Mycoplasma pneumoniae è un altro batterio appartenente al gruppo delle coinfezioni di Lyme. Il micoplasma è un batterio privo di parete cellulare. La sua parte più esterna è la membrana citoplasmatica. Il micoplasma, per la mancanza di una parete cellulare, mostra una flessibilità molto maggiore ed è quindi in grado di assumere varie forme. La mancanza di una parete cellulare è anche una caratteristica che lo distingue da altre coinfezioni trasmesse dalle zecche.

    Il micoplasma provoca principalmente infezioni del sistema respiratorio e genito-urinario. Tuttavia, si crede sempre più che possa causare infezioni sistemiche, che colpiscono ogni organo e causano molte malattie croniche, inclusa l'artrite reumatoide. La malattia può essere molto diversa: da asintomatica, attraverso sintomi locali (es. infezioni delle vie respiratorie), a infezioni sistemiche. In un organismo indebolito a causa di un'altra infezione (es. spirocheta di Borrelia o Chlamydia), l'infezione da micoplasma può causare sintomi molto gravi. Il micoplasma può attaccare, tra gli altri, il sistema nervoso, i muscoli (compreso il cuore) e le articolazioni. I sintomi dell'infezione da questo agente patogeno sono molto simili ai sintomi della malattia di Lyme.

    L'infezione disseminata può manifestarsi nei seguenti modi: affaticamento che non scompare dopo il riposo, intolleranza all'esercizio, disfunzioni neurologiche, problemi mentali, problemi cognitivi, insonnia, depressione, mal di testa, dolori muscolari e articolari, gonfiore articolare, dolore ai linfonodi , problemi respiratori, sudorazione, nausea, dolore addominale, febbre, congiuntivite cronica, alterazioni della pelle (eruzioni cutanee, eritema), infiammazione del muscolo cardiaco, pericardio, fegato, pancreas e altri sintomi.

     

    Trattamento naturale del micoplasma

     

    Molte erbe sono utilizzate nel trattamento naturale del micoplasma. Uno dei metodi naturali più efficaci per trattare questa infezione è il protocollo di Stephen Buhner per il micoplasma dal suo libro "Healing Lyme Disease Coinfections: Complementary and Holistic Treatments for Bartonella and Mycoplasma".

    Come con altri protocolli, Buhner pone grande enfasi su un'influenza globale sul micoplasma, che coprirà l'intero complesso meccanismo infettivo. Il trattamento naturale del micoplasma con le erbe si basa sulla regolazione sia antibatterica che immunitaria, interrompendo la cascata di citochine, proteggendo le cellule e gli organi attaccati dai batteri e reintegrando i nutrienti che sono stati "esauriti" durante l'infezione.

    Buhner seleziona un set completo di erbe Mycoplasma che influenza ciascuno degli aspetti di cui sopra. Nel suo protocollo per il trattamento naturale del Micoplasma, raccomanda di introdurre nella terapia le seguenti erbe: Cordyceps sinensis, Scutellaria cinese (latino Scutellaria baicalensis), Isatis, Houttuynia cordata, Sida acuta, Schisandra, Ginseng siberiano, Rhodiola rosae, Foglia di olivo. La terapia a base di erbe dovrebbe anche essere integrata con N-acetil-cisteina (NAC) e vitamina E.

    Tre delle erbe di cui sopra: Schisandra, ginseng siberiano, Rhodiola rosae sono consigliate per l'uso come miscela di erbe. ERS Herbal Mix è un prodotto pronto contenente un macerato di queste tre erbe.

    Un grosso problema che si pone durante l'infezione da micoplasma è il consumo di una quantità molto grande di nutrienti da parte dei batteri durante il processo di infezione. L'integrazione con i nutrienti è essenziale nella lotta contro i sintomi associati all'infezione da Mycoplasma. Puoi bilanciare la carenza di nutrienti con la dieta o un'integrazione aggiuntiva. I nutrienti necessari per integrare nella lotta al Micoplasma sono: vitamine del gruppo B, colina, zinco, rame, selenio, aminoacidi (L-triptofano, L-treonina, L-serina, L-arginina) e acidi grassi essenziali.

    Il trattamento naturale con le erbe di Mycoplasma influenzerà in modo completo molti meccanismi di questa infezione. Se vuoi utilizzare le erbe per il Mycoplasma, ricordati di leggere il protocollo completo proposto da Buhner, oltre alle controindicazioni.

  • Clamidia

    Erbe per la clamidia

     

    Chlamydia pneumoniae è un batterio gram-negativo, ma con una parete cellulare molto più rigida di quella che si trova solitamente nei batteri gram-negativi.

    La clamidia è una delle co-infezioni trasmesse dalle zecche.

    Chlamydia pneumoniae colpisce frequentemente il sistema respiratorio, causando polmonite (spesso indicata come polmonite atipica), bronchite, laringite, faringite, rinite, sinusite e provoca sintomi di asma.

    Chlamydia pneumoniae è molto importante nella diagnosi differenziale della malattia di Lyme in quanto può causare disturbi del sistema nervoso, miocardite e artrite reattiva. I sintomi extrapolmonari dell'infezione da Chlamydia pneumoniae per un periodo di tempo molto lungo possono essere latenti e sono spesso difficili da riconoscere.

    L'artrite reattiva indotta da Chlamydia pneumoniae è spesso difficile da distinguere dall'artrite di Lyme. Nel corso dell'infezione da Chlamydia pneumoniae, occorre prestare attenzione anche alla sindrome di Guillain-Bare. La sindrome di Guillain-Barré è una malattia autoimmune che provoca un'infiammazione demielinizzante multiradice acuta, in cui il sistema immunitario attacca parti del sistema nervoso periferico, causando debolezza muscolare e sensazioni di formicolio in varie parti del corpo.

    Inoltre, Chlamydia pneumoniae può causare altri sintomi, quali: stanchezza cronica, sensazione di bruciore in varie parti del corpo, paralisi, ictus, problemi di pressione sanguigna, mal di testa, demenza, nebbia mentale, disturbi mentali, dolore ai testicoli.

     

    Trattamento naturale della clamidia

     

    Molte erbe sono molto efficaci nel combattere la Chlamydia. Uno dei metodi naturali più efficaci per il trattamento della clamidia con le erbe è il protocollo Buhner per la clamidia del libro di Stephen Harrod Buhner "Natural Healing of Lyme Borreliosis and the Coinfections Chlamydia and Spotted Fever Rickettsiosis".

    Le principali erbe antibatteriche contro Chlamydia pneumoniae sono piante contenenti berberina. Tali piante sono, tra le altre, il crespino o il sigillo dorato canadese (Goldenseal, latino Hydrastis canadensis). Scutellaria cinese (latino Scutellaria baicalensis) esibisce proprietà antibatteriche contro la Chlamydia. Buhner raccomanda anche l'uso della vitamina A. Il retinolo (un metabolita della vitamina A) inibisce la capacità della clamidia di infettare l'endotelio e le cellule epiteliali.

    La clamidia, come altri agenti patogeni intracellulari del gruppo delle infezioni trasmesse dalle zecche, induce la cascata di citochine. Le citochine sono molecole informative che facilitano il processo infettivo dei batteri e l'estrazione dei nutrienti dalle cellule ospiti. Pertanto, la cascata di citochine deve essere inibita per interrompere il processo infettivo della clamidia.

    Salvia miltiorrhiza e zucchetto cinese (latino Scutellaria baicalensis) sono le principali erbe per inibire la cascata di citochine raccomandate da Buhner nel suo protocollo naturale per il trattamento della clamidiosi.

    La clamidia intercetta anche le risposte e le funzioni del sistema immunitario dell'ospite. La Chlamydia può quindi ricostruire radicalmente il sistema immunitario umano in modo tale da adattarlo a suo vantaggio. Un sistema immunitario malfunzionante non si accorge della minaccia dei batteri e non combatte le infezioni. Le anomalie nel lavoro del sistema immunitario spesso portano a malattie autoimmuni. Un sistema immunitario deregolato è un problema non solo durante il decorso dell'infezione, ma anche dopo la fine del trattamento, che avrà ulteriori conseguenze. Le erbe sono molto efficaci nel modulare le funzioni immunitarie e nel ripristinare il corretto funzionamento del sistema immunitario.

    La proposta di Buhner in questo caso è di tre erbe: Ashwagandha (ginseng indiano, latino Withania somnifera), Liquirizia e Cordyceps sinensis. Secondo le raccomandazioni di Buhner, queste tre erbe sono consigliate sotto forma di miscela di erbe. Il prodotto ACL Herbal Mix contiene macerato pronto di Ashwagandha (ginseng indiano, latino Withania somnifera), Cordyceps e Liquirizia.

    La protezione delle cellule e degli organi attaccati dal batterio è un'altra parte integrante del trattamento nei protocolli di Buhner. I batteri hanno un tremendo effetto distruttivo sugli organi. La protezione degli organi e delle cellule dovrebbe essere sempre parte integrante di qualsiasi terapia. Salvia miltiorrhiza, Cordyceps sinensis e Bidens pilosa svolgono qui un ruolo chiave come parte essenziale del trattamento naturale della Chlamydia con le erbe.

    Il trattamento naturale della clamidia influenzerà in modo completo molti meccanismi di infezione. Se vuoi utilizzare le erbe per la Chlamydia ricordati di leggere il protocollo completo proposto da Buhner, così come le sue controindicazioni.

  • Ehrlichia - Anaplasma

    Erbe per Ehrlichia / Anaplasma

     

    Ehrlichia è un batterio intracellulare gram-negativo che di solito attacca i globuli bianchi - leucociti. Le malattie da loro causate prendono il nome dal tipo di leucociti che attaccano. Essi sono: Ehrlichiosi granulocitica umana ed Ehrlichiosi monocitica umana.

    L'anaplasma è un microrganismo patogeno intracellulare che attacca i globuli bianchi, principalmente i granulociti polinucleari (neutrofili, neutrofili).

    Ehrlichia e Anaplasma sono stati classificati come co-infezioni della malattia di Lyme.

    I sintomi più comuni dell'infezione da Ehrlichia sono: sintomi pseudo-influenzali, ovvero febbre superiore a 38°C, mal di testa, dolori muscolari e articolari, infiammazione delle prime vie respiratorie, tosse, ma anche dolori muscolari e articolari, malessere, trombocitopenia, leucopenia, iponatriemia - carenza di sodio, nausea e vomito, soffi sistolici al cuore, fegato e / o milza ingrossati, linfonodi ingrossati e lievi alterazioni cutanee - eruzioni maculopapulari.

    Anaplasma provoca sintomi simili a quelli di Ehrlichia. Inoltre, può anche causare sintomi gastrointestinali, ad esempio diarrea.

    Ci sono cambiamenti caratteristici nella morfologia durante le infezioni sia da Ehrlichia che da Anaplasma. Con il progredire della malattia, il livello dei globuli bianchi (leucopenia) diminuisce, il livello dei trombociti (trombocitopenia) diminuisce e gli indicatori della funzionalità epatica come AST e ALT aumentano.

     

    Trattamento naturale di Ehrlichia e Anaplasma

     

    Buhner è uno dei pochi erboristi che ha descritto il meccanismo di queste infezioni in modo così approfondito e ha sviluppato un protocollo erboristico per Ehrlichia e Anaplasma.

    Il trattamento naturale per Ehrlichia e Anaplasma è tratto dal libro di Stephen Harrod Buhner, "Trattamenti naturali per le coinfezioni di Lyme: Anaplasma, Babesia ed Ehrlichia".

    Il trattamento a base di erbe di Ehrlichia e Anaplasma viene eseguito allo stesso modo, quindi entrambe queste infezioni sono state incluse nello stesso protocollo.

    Buhner, come in tutti i suoi protocolli erboristici, sottolinea che l'azione puramente antimicrobica non è sufficiente. Nel suo protocollo, tiene conto dell'intero meccanismo infettivo di questi batteri.

    Le principali erbe antibatteriche contro Ehrlichia e Anaplasma sono: Houttuynia cordata, Salvia miltiorrhiza, Liquirizia, Kudzu (Pueraria labota), Scutellaria cinese (latino Scutellaria baicalensis).

    Queste erbe inibiscono anche la cascata di citochine indotta dai batteri. L'inibizione della cascata di citochine interrompe il processo infettivo e l'acquisizione di nutrienti dalle cellule ospiti da parte dei batteri.

    L'influenza dei batteri sul sistema immunitario è molto significativa. Ehrlichia attacca i leucociti del sangue multinucleati, quindi il suo principale luogo di esistenza in un organismo infetto sono i neutrofili (chiamati anche neutrofili o neutrociti). I neutrofili sono il gruppo più numeroso di leucociti. I leucociti, a loro volta, sono cellule del sistema immunitario. I batteri compromettono il normale funzionamento dei neutrofili. Quindi usa il nostro stesso sistema immunitario per trovare rifugio dall'attacco del sistema immunitario non solo nascondendosi nelle cellule immunitarie, ma anche alterandone le funzioni. Inoltre, Ehrlichia inibisce la produzione di interleuchina-2 nella milza, contribuisce all'aumento della produzione di interleuchina 4 e alla riduzione della produzione di interferone gamma.

    Per la modulazione del sistema immunitario, Buhner consiglia l'uso di erbe: Angelica sinensis, Astragalus membranceus, Liquirizia, Ashwagandha (ginseng indiano, latino Withania somnifera), ginseng coreano (Panax ginseng), Cordyceps, Houttuynia, Panax ginseng Salvia miltiorrhiza, cinese zucchetto (latino Scutellaria baicalensis).

    Ehrlichia ha un impatto negativo sul funzionamento di organi come la milza, il fegato, il midollo osseo e il sistema linfatico.

    Il cardo mariano protegge il fegato.

    Salvia miltiorrhiza proteggerà la milza.

    Le erbe che proteggono il midollo osseo sono: Angelica sinensis, Astragalus, Liquirizia, Cordyceps, Ginseng coreano (Panax ginseng), Salvia miltiorrhiza.

    Ben 11 diverse erbe sono incluse nel protocollo di trattamento naturale per Ehrlichia e Anaplasma. È un protocollo molto complesso. Nel suo protocollo, Buhner raggruppa alcune di queste erbe in miscele, il che facilita notevolmente l'attuazione del protocollo.

    Un elenco simile di miscele di erbe preparate con erbe suggerite da Buhner può essere trovato nelle seguenti tinture pronte:

    HS Herbal Mix contiene macerato a base di erba Houttuynia cordata e radice di Salvia miltiorrhiza (salvia rossa).

    CKC Herbal Mix contiene macerato a base di radice di zucchetto cinese (latino Scutellaria baicalensis), radice di Kudzu (Pueraria Lobata) e Cordyceps (Cordyceps sinensis).

    ALA Herbal Mix contiene macerato a base di radice di Angelica sinesis, radice di liquirizia (Glycyrrhizae glabra) e radice di astragalo (Astragalus membranceus).

     

    Il trattamento naturale con erbe di Ehrlichia e Anaplasma influenzerà in modo completo molti meccanismi di infezione. Se vuoi utilizzare le erbe per Ehlichia e Anaplasma, ricordati di leggere il protocollo completo proposto da Buhner, così come le sue controindicazioni.

  • Supporto al collagene
  • Programma di supporto...
  • Antivirale
  • Altro
per pagina
Mostrando 1 - 24 di 37 articoli
Mostrando 1 - 24 di 37 articoli